TRADIZIONI DINTORNI VISITARE CASA VACANZE CONOSCERE

Agerola

massa lubrense
vico equense
agerola
castellammare
gragnano
lettere
scorci caratteristici
campania
penisola sorrentina
sorrento
sant'agnello
piano di sorrento
meta

Arroccata fra i monti, sospesa tra l'azzurro dei cielo e del mare, Agerola rappresenta per coloro che la visitano, il luogo ideale per trascorrere vacanza a contatto con la natura. Adagiata a circa 600 metri di quota all'interno di una verde conca, é chiusa su tre lati da montagne alte 900 e i 1400 metri. Verso Sud, invece, la conca é stupendamente affacciata sulla Costa d'Amalfi e sull'intero golfo di Salerno. In questo paesaggio ancora incontaminato si susseguono rigogliosi coltivi, casali di montagna e, salendo, boschi di castagno che sulle cime massime cedono il posto alla faggeta. I ripidi versanti che scendono verso la costa meridionale sono tagliati da spettacolari gole che rendono il paesaggio vivace e suggestivo. Meta ideale per una vacanza salutare e rilassante, Agerola gode di una posizione strategica anche come base dì partenza per interessanti escursioni nei dintorni (Napoli, Pompei, Vesuvio, Sorrento, Capri, Positano, Amalfi, Ravello). Paese tipicamente montano, Agerola vanta antica storia. La scoperta di anfore, lucerne, vasi e monete appartenenti ai primi Cesari di Roma, nonché tombe, abituri, cunicoli e strade, avvalorano la tesi che questo villaggio fosse già noto agli antichi Romani.

AgerolaIl nome Agerola deriva, quasi sicuramente, da 'ager', termine latino che significa campo. Infatti, alle sue origini, i primi abitanti dissodarono piccoli campi fra le fitte foreste che rivestivano l'intero suo territorio, ricavandosi, in questo modo, una piccola area su cui si sviluppò nei secoli il centro urbano. Attualmente il paese conserva ancora questa caratteristica con il territorio frazionato in numerosi piccoli campi ricavati operando una sistemazione a 'terrazze' dei pendii montani. In età medioevale Agerola, con le sue cinque frazioni, fece parte del territorio della Repubblica di Amalfi che, si estendeva da Ravello fino a Positano e, con i suoi vasti territori boschivi, riforniva di legname gli arsenali della Repubblica per la costruzione delle navi. Come parte integrante dei territorio di Amalfi, Agerola ne condivise le vicende storiche e tra queste la guerre contro i Saraceni. In tale periodo il paese intratteneva scambi commerciali con Napoli, soprattutto per i tessuti in seta nella cui manifattura gli agerolesi erano specializzati. Si tramanda che nel 1600 i monti di Agerola fossero infestati dai briganti, che fra i fitti boschi trovavano un sicuro nascondiglio.

AgerolaNei secoli che seguirono il Comune entrò a far parte dei Regno di Napoli di cui segui le alterne vicende fino all'unità d'Italia. Nel Settecento Agerola visse un periodo assai prospero attestato anche dalla crescita esponenziale dei numero di abitanti, Infatti, per effetto delle riforma Borboneche migliorarono, con la riduzione delle tassazioni le condizioni economiche ma, soprattutto, scomparve quasi del tutto il brigantaggio. Le idee ispiratrici della rivoluzione francese furono accolte dai dotti agerolesi che vivevano a Napoli, sicché Agerola fu il primo paese della provincia ad aderire alla costituzione democratica della Repubblica Partenopea. Dopo la restaurazione dei 1815 si svilupparono anche ad Agerola società segrete. La figura dominante nell'ultimo periodo Borboneco fu generale Avitabile che nel 1844 ottenne la scissione di Agerola dalla provincia di Salerno per aggregarla a quella di Napoli: la città venne, così separata dal territorio di Amalfi, con il quale aveva condiviso secoli di storia, rimanendovi legata unicamente per la giurisdizione religiosa comune.

 

Sorrento Web Site

 

homepage immagini servizi mail contatti

 

SORRENTO LAST MINUTE !!! .
Share |