Sorrento Web Site

TRADIZIONI DINTORNI VISITARE CASA VACANZE CONOSCERE

 

Caiazzo

campania
provincia di caserta
caserta
casertavecchia
san leucio
capua
aversa
caiazzo

Adagiata su amene colline frammezzate da fertili valli e verdeggianti declivi ricchi di uliveti e boschi lussureggianti, Caiazzo è dominata dall'antico e maestoso castello e ai suoi piedi, a sud, serpeggia il fiume Volturno. Situata al centro di un sistema montuoso che le fa corona, gode, per la sua posizione geografica, di un clima particolarmente gradevole: fresco d'estate e mite d'inverno. La città confina a nord con Alvignano e Ruviano; a sud con la frazione di Cesarano, attraversata dal fiume Volturno; a est con Castel Campagnano; a ovest con Piana di Monte Verna. È circondata dai monti del Matese, del Taburno, del Tifata. Comprende le frazioni di SS. Giovanni e Paolo, in collina a nord - est, e Cesarano, a sud, in zona pianeggiante.
L'antica Kaiatia, poi Caiatia, fu fondata dagli Osci. Spesso è stata confusa con Calatia, oggi Calazze presso Maddaloni; l'interpetrazione del nome è difficile. E' sita su piccole colline leggermente digradanti, in guisa che l'aggruppamento degli edifici sembra un ammanto variegato. Ci troviamo in un territorio che si apre con improvvisi panorami fatti di borghi antichi, boschi ombrosi e suoli fertili che, ora piani, ora inclinati, scompaiono voluttuosamente verso la striscia bianca del fiume Volturno. Lo stemma della città ha il campo d'argento, su cui si vede una croce latina rossa bordata di oro, accantonata da quattro gigli araldici di oro. La corona di marchese sormonta lo scudo; sotto a questo la scritta "TA PRO", e due mani che si stringono. Caiazzo dista da Caserta 18 Km, 20 Km da Piedimonte Matese, 50 Km da Napoli e 185 Km da Roma. L'altitudine massima è di 471,20 m sul livello del mare e la minima di 22,70. Chi ha la fortuna di visitare Caiazzo, troverà di tutto: cordialità, cibi genuini, tradizione e folklore, vini forti, formaggi stagionati, pane casereccio, cotto nei forni a legna e una natura bella, dolce, con una vegetazione ricca e variopinta. Domina e vigila dall'alto l'antico castello, che i principi Longobardi edificarono nel secolo IX. Si trova all'altezza di pedi parigini 744 al livello del mare. Sulla collina del castello si trovano i resti di mura poligonali costruite dagli Osci. Esso fu teatro di lotte tremende tra i successori di Landone il vecchio, conte di Capua. Gli ultimi conti longobardi furono un Lantonulfo e un Giovanni. Nel 1070 divenne conte di Caiazzo il normanno Rainulfo che ebbe l'onore di ospitare tra le sue mura Federico II di Svevia. Il castello fu particolarmente caro ad Alfonso I d'Aragona, che vi soggiornò con l'amata Lucrezia figlia di Niccolò D'Alagno. Dagli Aragonesi in poi la storia del castello è legata alle vicende del Regno di Napoli. Particolarmente interessante il piccolo centro storico, dove merita una sosta la trecentesca Chiesa di S.Francesco - che custodisce, tra l'altro, una tavola di Giovanni Bernardino Azzolino - e l'austero chiostro dell'annesso convento, attualmente sede del Municipio. Opere pittoriche del XVII e del XVIII secolo possono essere ammirate nella Cattedrale dell'Assunta, caratterizzata da una facciata barocca nella quale si aprono due portali. Interessante anche la Chiesa dell'Annunziata con la "Annunciazione" di Francesco de Mura.

 

homepage immagini servizi mail contatti

SORRENTO LAST MINUTE !!! .
Share |