Sorrento Casa Vacanze La Terrazza

TRADIZIONI DINTORNI VISITARE CASA VACANZE CONOSCERE

Napoli - La Certosa di San Martino

 

campania
penisola sorrentina
campi flegrei
isole del golfo
napoli
vesuvio
parco del vesuvio
pompei
ercolano
oplonti
stabiae
nocera

La Certosa di San Martino venne fondata nel 1325 da Carlo d’Angiò, duca di Calabria, sulla sommità del colle che domina l’intero golfo napoletano. Lo spettacolare complesso, edificato secondo i canoni architettonici dell'Ordine, venne realizzato da Tino di Camaino e Attanasio Primario. Della loro opera restano i grandiosi sotterranei gotici. La Certosa, infatti, tra la fine del Cinquecento e gli inizi del Settecento, venne sottoposta ad un radicale rinnovamento. Furono tre gli architetti che con il loro intervento conferirono alla Certosa la veste attuale: Giovanni Antonio Dosio (1581), destinato a trasformare il severo aspetto gotico nel raffinato stile rinascimentale, Cosimo Fanzago (1623) autore della preziosa veste barocca e Nicola Tagliacozzi Canale (1723) che operò una perfetta sintesi tra architettura, pittura e scultura tipica del gusto rococò. Nel corso del tempo i migliori artisti lavorarono per i monaci certosini, tra i pittori: Lanfranco, Ribera, Battistello Caracciolo, Luca Giordano, tra gli scultori Giuseppe Sanmartino e Domenico Antonio Vaccaro. Dalla seconda metà dell’Ottocento la nuova funzione museale determinò profonde modifiche della struttura monastica fino a Novecento inoltrato. L’attuale ordinamento, frutto di un esemplare restauro architettonico, restituisce la corretta percezione del luogo religioso e la misura dello spazio antico in un percorso museale che alterna testimonianze della storia di Napoli e della Certosa in osmosi con l’incantevole panorama urbano visibile da loggiati, belvederi e giardini.

La Certosa di San Martino si è arricchita nel corso dei secoli di un patrimonio artistico, storico e architettonico di assoluto prestigio, fra marmi e stucchi, affreschi e dipinti, sculture e preziosi arredi. La Repubblica Napoletana del 1799 cambiò il suo destino: i frati accusati di simpatie repubblicane, furono allontanati dal monastero, che dopo alterne vicende, all’indomani dell’Unità d’Italia, fu definitivamente soppresso. Nel 1866 divenne Monumento Nazionale e il suo primo Direttore, Giuseppe Fiorelli, decise di trasformarlo nel ‘museo storico’ della città e del Regno di Napoli. Giunse così dal territorio tutto quanto poteva costituire stringente testimonianza della storia di Napoli e della sua civiltà artistica. Tale patrimonio venne incrementato in seguito con donazioni di enti e privati. La ricchezza di tesori d’arte unita all’incantevole posizione hanno fatto del complesso monastico meta prediletta, fin dal Cinquecento, di letterati, eruditi e viaggiatori. A testimonianza del prestigio goduto si ricorda la descrizione che il canonico Carlo Celano dedicò alla Certosa: ‘Monastero che più grande, più nobile, più delizioso, più ricco si stima che trovar non se possa in Italia…ogni cosa che in questa chiesa e monastero si vede portarselo una meraviglia…hanno una famosa loggia detta il Belvedere, dalla quale si scorge tutta la nostra città...'

Oggi è sede dell'interessantissimo museo Nazionale di San Martino, che si suddivide in tre grandi sezioni: storica, artistica e monumentale. La chiesa della Certosa è ricca di intarsi marmorei e dipinti, tanto da potersi definire una vera pinacoteca della pittura napoletana del '600. Tra le opere più importanti: Deposizione, di M. Stanzione (1638); dodici Profeti, di Ribera (1643); coro ligneo del XVII secolo; Lavanda dei piedi, capolavoro di B. Caracciolo (1622); Trionfo di Giuditta, affresco di Luca Giordano (1704). Da una sala del museo attiguo alla chiesa si accede al famosissimo Belvedere che offre la più ampia e magica visita di Napoli e del Golfo.

Napoli
Napoli - Cenni storici Napoli Sotterranea
Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli Il Museo di Capodimonte
La Chiesa del Gesù Nuovo Il Duomo
Il Chiostro di Santa Chiara La Cappella Sansevero

La Certosa di San Martino

Il Palazzo Reale di Napoli

Il Teatro San Carlo

Piazza Plebiscito

La Villa Comunale di Napoli

Via Caracciolo

Università Federico II

Dintorni di Napoli

 

homepage immagini servizi mail contatti

 

SORRENTO LAST MINUTE !!! .
Share |