TRADIZIONI DINTORNI VISITARE CASA VACANZE CONOSCERE

Vico Equense - Marina di Aequa

massa lubrense
vico equense
agerola
castellammare
gragnano
lettere
scorci caratteristici
campania
penisola sorrentina
sorrento
sant'agnello
piano di sorrento
meta

La denominazione "Marina di Equa" suggerisce le origini di questo meraviglioso angolo di costiera che ci riporta all'antico insediamento abitativo della città che era compreso in una vasta area denominata Aequana, come ci racconta lo storico Silio Italico. Questa zona è ricca di testimonianze archeologiche dell'età preromana e romana, di cui sono esempio i resti della grande villa imperiale del Pezzolo. Quest'insediamento, che l'accumulo di materiale vulcanico dell'eruzione del 79 d. C. dovette danneggiare seriamente, segnando così anche l'inizio della decadenza di Aequa, meriterebbe scavi sistematici, avendo già restituito in passato il famoso gruppo di "Eros e Psiche" del Museo Nazionale di Napoli e la bellissima "Testa di Filosofo" in Collezione Fienga. Qui sorse, con l'avvento progressivo del Cristianesimo, la Chiesa episcopale che, per l'impoverimento progressivo di quell'abitato, fu trasferita dove precedentemente si era insediato il villaggio preromano che divenne poi Vico Equense.

Vico Equense - Marina di AequaSulla piazza, a guardia del piccolo porticciolo si innalza la Torre di Caporivo, parte dell'antico sistema difensivo, ricostruita nel 1608. Proseguendo, dopo il porto si oltrepassa la splendida spiaggia di sassi detta "delle calcare" fino a raggiungere la mole di tufo nero con doppi archi gotici e volte a crociera dell'antica Calcare medievale. Su questo lido, i mastri d'ascia hanno realizzato nel passato bastimenti capaci di solcare gli oceani.

Gli abitanti del borgo sono molto devoti a Sant'Antonio e nella piazza della Marina di Aequa sorge la piccola chiesetta dedicata al Santo, i pescatori ogni 13 di giugno, puntualmente, recano in processione solenne sul mare la statua di Sant'Antonio seguita da barche di ogni forma e misura. Intanto, dai Casali collinari i fuochi d'artificio segnano il cielo rimbombando nell'anfiteatro naturale dell'intero territorio. Da quella chiesetta inizia una stradina che porta all'antichissima Chiesa di Santa Maria Vecchia, con una ricchissima collezione di ex voto marinareschi di matrice popolare. Seiano è un elegante luogo di villeggiatura attrezzato con strutture alberghiere e tutto costellato di ville sul panorama. Le stradine del borgo sono piccole e tortuose, imponente è invece la Parrocchia di San Marco, a pianta centrale con alto tamburo e grossa cupola, edificata su progetto dell'architetto Bartolomeo Bottiglieri nel 1796. Accanto sorge la Confraternita della Morte ed Orazione che ogni tre anni ritorna in processione, il Venerdì Santo.

 

 

homepage immagini servizi mail contatti

SORRENTO LAST MINUTE !!! .
Share |